Peter Doshi : “I vaccini C-19 sono molto più dannosi che utili”.

È stato pubblicato recentemente un importante lavoro scientifico sugli eventi avversi gravi dopo la vaccinazione C-19.

Fra gli autori c’e Peter Doshi, vicedirettore del British Medical Journal.

Peter Doshi fin dall’inizio è sempre stato molto attento alla frode riguardante la storia della ricerca e sviluppo dei cd vaccini C-19.

La conclusione della pubblicazione riconferma che, nella migliore delle ipotesi, questi sieri genici danneggiano gravemente molte più persone di quante non ne aiutino (se ne aiutano affatto).

Scarica o leggi il documento in formato PDF

8 commenti su “Peter Doshi : “I vaccini C-19 sono molto più dannosi che utili”.

  1. Grazie Leonardo! Purtroppo, chi dovrebbe leggere questi report, e agire di conseguenza, non lo fa. Quindi, possiamo solo sperare che sempre più cittadini ne vengano a conoscenza e maturino, così, consapevolezza nelle proprie scelte.

  2. Grazie carissimo Leonardo. Se noi cittadini ci arriviamo leggendo e ragionando, è del tutto ovvio che la casta che ci governa sa bene tutto e di più. Dobbiamo dedurre che se perseverano nell’inoculazione di questi sieri a terapia genica sperimentale fraudolentemente spacciati per vaccini non è per ignoranza o ingenuità, ma si tratta di una strategia criminale deliberata, pianificata e finanziata a livello mondiale, affidata in Italia a un autorevole e altolocato rappresentante della grande finanza speculativa globalizzata e a un manipolo di utili idioti.
    Dobbiamo insorgere per riscattare i nostri inalienabili diritti e valori inviolabili alla vita, dignità e libertà.
    Magdi Cristiano Allam

  3. Qualcuno sa qualcosa di questa nuova Legge del 19 maggio 2022, n. 66(Gazz. Uff., 15 giugno 2022, n. 138) ?
    Riguardo all’accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Centro internazionale per l’ingegneria genetica e la biotecnologia (ICGEB) relativo alle attività del Centro e alla sua sede situata in Italia (Trieste)?

    1. L’ho segnalata anch’io questa legge che da poteri assoluti al suo Direttore e benefit eccezionali ai dipendenti ed ai loro familiari. Anche se questa struttura dipendente dal Min. degli Esteri da tempo, per me è una cosa incomprensibile l’alone di segretezza che la circonda.

  4. Grazie Leo, questo articolo non lo avevo ancora letto. Ieri sera ho partecipato a un incontro web di ContiamoCi. (che consiglio caldamente). Oltre agli eventi avversi ormai noti, appare sempre piu evidente come le nanoparticelle si accumulino nelle ovaie e negli uomini ci sia una diminuzione e un peggioramento della mobilità degli spermatozoi. Non si sa ancora se il fenomeno sia reversibile o no.
    Il processo di sterminio continua

  5. La responsabile della casa di riposo dove vive mia zia ha detto che in autunno arriva un nuovo vaccino alla Covid che coprirà tutte le varianti. Sarà somministrato agli ospiti della RSA insieme all’antinfluenzale. A quanto pare questo nuovo vaccino è il Valneva, che dovrebbe essere un vaccino classico contenente il virus inattivato. Il Valneva non riusciva ad ottenere l’approvazione, ma ora l’Ema lo sta autorizzando in via definitiva e non condizionata come invece quelli ad mRna. Volevo chiedere a Leonardo se questo vaccino è sicuro, considerando il fatto che la zia dopo 3 dosi di Pzifer ha avuto il covid e quindi ha anticorpi naturali contro tutte le parti del virus. Grazie mille Leonardo

    1. Il Valneva che stanno autorizzando, è un vaccino classico, con particelle virali inattivate (quali?). portate con gocce di carrier per facilitarne trasporto e penetrazione nelle cellule..
      Sembra così più ‘naturale’, ma i test sono stati in persone tra i 30 e 50 anni, con risultati un po’ superiori al simile Vaxevria. Non ci sono dati quindi sui 60 enni ed oltre è sotto i 30,anche se danno come possibile dai 18 anni.
      Gli eventi avversi sembrano i soliti leggeri e reversibili, ma sappiamo come raccolgono i dati e correlano al vaccino in modo direi deficitario. Un giudizio quindi a priori su efficacia e sicurezza lo trovo temerario come al solito, ma a loro basta.
      Il problema pur non introducendo mRNA codificato è sempre se questa presentazione al Sistema Immunitario è conforme ed innocua senza interferire sul meccanismo naturale, e non si sa quanto dura in circolo. Comunque anche le particelle virali vengono copiate con MRNA e trascritte nel DNA. Il resto che danno come sicuro è sempre pura sperimentazione, i cui esiti vedremo a distanza.
      Teniamo conto che le particelle sono del ceppo Wuhan originario, quindi poco utili per Omicron ultimi.
      Non si può rincorrere le varianti con iniezioni di sieri ogni 3 mesi, se va bene, perché come vediamo questi giorni il sistema immunitario lo stiamo disgregando già dopo la terza dose, ora muoiono più gli anziani, vaccinando ancora lì eliminiamo lentamente favorendo complicanze di altre patologie. Come dargli un momentaneo sintomatico.
      Il Cts andrebbe eliminato. È solo li per difendere il dogma vaccinale, una specie di Corano sussurrato dalla Scienzah (del dollaro…).

  6. Nella pagina iniziale del sito di ModeRna (azienda farmaceutica specializzata soltanto nei farmaci che utilizzano l’mRNA) c’è scritto testualmente:

    L’RNA messaggero, o mRNA, svolge un ruolo fondamentale nella biologia umana, trasferendo le istruzioni immagazzinate nel DNA per produrre le proteine ​​necessarie in ogni cellula vivente. Il nostro approccio consiste nell’utilizzare farmaci a base di mRNA per istruire le cellule del paziente a produrre proteine ​​che potrebbero prevenire, curare o le malattie.

    Scopri le caratteristiche intrinseche dell’mRNA, come viene utilizzato nelle cellule di tutto il corpo e la diversità delle potenziali applicazioni per l’utilizzo dell’mRNA per sviluppare nuovi farmaci.

    Pertanto, non chiamiamola più campagna di vaccinazione (oramai anche i sassi hanno capito che questi farmaci genici inutili, dannosi e pericolosi, non sono vaccini) ma è più corretto chiamarla
    Campagna su scala mondiale di potenziale applicazione dell’ mRna.

    Ogni dose di mRNA è un tentativo per istruire le cellule del paziente a produrre proteine ​​che potrebbero prevenire, curare le malattie.
    Finora, e siamo alla quarta dose, il tentativo è fallito vendendo cara la pelle di uomini donne, ragazzi e bambini.

    Mluisa

Rispondi a Monica Segato Annulla risposta

error: Questo contenuto è protetto