Oriana Fallaci alle Elezioni non voterebbe: «Non simpatizzo con la Destra più di quanto non simpatizzi con la Sinistra. Mi considero una rivoluzionaria. Per me la Rivoluzione significa dire “No”. Significa lottare per quel “No”. Attraverso quel «No”, cambiare le cose»

Cari amici buongiorno. Ogni 15 settembre di ogni anno, nella ricorrenza della sua morte avvenuta nel 2006, ricorderò la mia amica Oriana Fallaci. Perché è un doveroso omaggio a chi per primo in Italia ha avuto l’onestà intellettuale e il coraggio umano di dire la verità in libertà su tutto. A cominciare sull’islam. Ma anche sull’immigrazione. Intervenendo con estrema lucidità sulla realtà del degrado della democrazia e dell’uniformizzazione dei partiti politici.

Oriana aveva ragione quando scriveva a proposito dell’islam: «L’islam è il Corano, cari miei. Comunque e dovunque. E il Corano è incompatibile con la Libertà, è incompatibile con la Democrazia, è incompatibile con i Diritti Umani. E’ incompatibile col concetto di civiltà»
«L’islam moderato non esiste. E non esiste perché non esiste qualcosa che si chiama islam buono e islam cattivo. Esiste l’islam e basta. E l’islam è il Corano. Nient’altro che il Corano. E il Corano è il “Mein Kampf” di una religione che ha sempre mirato a eliminare gli altri. Una religione che ha sempre mirato a eliminare gli altri. Una religione che si identifica con la politica, col governare. Che non concede una scheggia d’unghia al libero pensiero, alla libera scelta. Che vuole sostituire la democrazia con la madre di tutti i totalitarismo: la teocrazia.»

Ugualmente Oriana aveva ragione quando scriveva a proposito dell’immigrazione: «Sia a Destra che a Sinistra tutti si focalizzano sul terrorismo. Tutti. Perfino i radicali più radicali. (Cosa che non sorprende perché le condanne verbali del terrorismo sono il loro alibi. Il loro modo di pulire le loro coscienze non pulite). Ma nel terrorismo islamico non vedo l’arma principale della guerra che i figli di Allah ci hanno dichiarato. Nel terrorismo islamico vedo soltanto un aspetto, un volto di quella guerra. Il più visibile, sì. Il più sanguinoso e il più barbaro, ovvio. Eppure, paradossalmente, non il più pernicioso. Non il più catastrofico. Il più pernicioso e il più catastrofico è a parer mio quello religioso. Cioè quello dal quale tutti gli altri aspetti, tutti gli altri volti, derivano. Per incominciare, il volto dell’immigrazione. Cari amici: è l’immigrazione, non il terrorismo, il cavallo di Troia che ha penetrato l’Occidente e trasformato l’Europa in ciò che chiamo Eurabia. È l’immigrazione, non il terrorismo, l’arma su cui contano per conquistarci annientarci distruggerci. L’arma per cui da anni grido: “Troia brucia, Troia brucia”.»

Di estrema attualità il pensiero di Oriana sui partiti politici, espresso nel discorso all’accettazione dell’Annie Taylor Award il 28 novembre 2005:
«Nei regimi assolutisti o dittatoriali, scrive Tocqueville, il dispotismo colpisce il corpo. Lo colpisce mettendolo in catene o torturandolo o sopprimendolo in vari modi. Decapitazioni, impiccagioni, lapidazioni, fucilazioni, Inquisizioni eccetera. E così facendo risparmia l’anima che intatta si leva dalla carne straziata e trasforma la vittima in eroe.
Nelle democrazie inanimate, invece, nei regimi inertamente democratici, il dispotismo risparmia il corpo e colpisce l’anima. Perché è l’anima che vuole mettere in catene. Torturare, sopprimere. Così alle sue vittime non dice mai ciò che dice nei regimi assolutisti o dittatoriali: “O la pensi come me o muori”. Dice: “Scegli. Sei libero di non pensare o di pensare come la penso io. Se non la pensi come la penso io, non ti sopprimerò. Non toccherò il tuo corpo. Non confischerò le tue proprietà. Non violenterò i tuoi diritti politici. Ti permetterò addirittura di votare. Ma non sarai mai votato. Non sarai mai eletto. Non sarai mai seguito e rispettato. Perché ricorrendo alle mie leggi sulla libertà di pensiero e di opinione, io sosterrò che sei impuro. Che sei bugiardo, dissoluto, peccatore, miserabile, malato di mente. E farò di te un fuorilegge, un criminale. Ti condannerò alla Morte Civile, e la gente non ti ascolterà più. Peggio. Per non essere a sua volta puniti, quelli che la pensano come te ti diserteranno”.
Questo succede, spiega, in quanto nelle democrazie inanimate, nei regimi inertamente democratici, tutto si può dire fuorché la Verità. Perché la Verità ispira paura. Perché, a leggere o udire la verità, i più si arrendono alla paura. E per paura delineano intorno ad essa un cerchio che è proibito oltrepassare. Alzano intorno ad essa un’invisibile ma insormontabile barriera dentro la quale si può soltanto tacere o unirsi al coro. Se il dissidente oltrepassa quella linea, se salta sopra le Cascate del Niagara di quella barriera, la punizione si abbatte su di lui o su di lei con la velocità della luce. E a render possibile tale infamia sono proprio coloro che segretamente la pensano come lui o come lei, ma che per convenienza o viltà o stupidità non alzano la loro voce contro gli anatemi e le persecuzioni. Gli amici, spesso. O i cosiddetti amici. I partner. O i cosiddetti partner. I colleghi. O i cosiddetti colleghi. Per un poco, infatti, si nascondono dietro il cespuglio. Temporeggiano, tengono il piede in due staffe. Ma poi diventano silenziosi e, terrorizzati dai rischi che tale ambiguità comporta, se la svignano. Abbandonano il fuorilegge, il criminale, al di lui o al di lei destino e con il loro silenzio danno la loro approvazione alla Morte Civile.
Mezzo secolo fa era infatti la Sinistra ad essere vittimizzata dal Maccartismo. Oggi è la Sinistra che vittimizza gli altri col suo Maccartismo. Non meno, e a parer mio molto di più, che negli Stati Uniti. Cari miei, nell’Europa d’oggi v’è una nuova Caccia alle Streghe. E sevizia chiunque vada contro corrente. V’è una nuova Inquisizione. E gli eretici li brucia tappandogli o tentando di tappargli la bocca.
Eh, sì: anche noi abbiamo i nostri Torquemada. I nostri Ward Churchill, i nostri Noam Chomsky, i nostri Louis Farrakhan, i nostri Michael Moore eccetera. Anche noi siamo infettati dalla piaga contro la quale tutti gli antidoti sembrano inefficaci. La piaga di un risorto nazi-fascismo. Il nazismo islamico e il fascismo autoctono. Portatori di germi, gli educatori cioè i maestri e le maestre che diffondono l’infezione fin dalle scuole elementari e dagli asili dove esporre un Presepe o un Babbo Natale è considerato un “insulto – ai – bambini – Mussulmani”. I professori (o le professoresse) che tale infezione la raddoppiano nelle scuole medie e la esasperano nelle università. Attraverso l’indottrinazione quotidiana, il quotidiano lavaggio del cervello, si sa. (La storia delle Crociate, ad esempio, riscritta e falsificata come nel “1984” di Orwell). L’ossequio verso il Corano visto come una religione di pace e misericordia. La reverenza per l’Islam visto come un Faro di Luce paragonato al quale la nostra civiltà è una favilla di sigaretta). E con l’indottrinazione, le manifestazioni politiche. Ovvio. Le marce settarie, i comizi faziosi, gli eccessi fascistoidi.
Io non sono un Conservatore. Non simpatizzo con la Destra più di quanto non simpatizzi con la Sinistra. Sebbene rifiuti ogni classificazione politica, mi considero una rivoluzionaria. Perché la Rivoluzione non significa necessariamente la Presa della Bastiglia o del Palais d’Hiver. E certamente per me non significa i capestri, le ghigliottine, i plotoni di esecuzione, il sangue nelle strade. Per me la Rivoluzione significa dire «No». Significa lottare per quel «No». Attraverso quel «No», cambiare le cose. E di sicuro io dico molti «No». Li ho sempre detti. Di sicuro vi sono molte cose che vorrei cambiare. Cioè non mantenere, non conservare. Una è l’uso e l’abuso della libertà non vista come Libertà ma come licenza, capriccio, vizio. Egoismo, arroganza, irresponsabilità. Un’altra è l’uso e l’abuso della democrazia non vista come il matrimonio giuridico dell’Uguaglianza e della Libertà ma come rozzo e demagogico egualitarismo, insensato diniego del merito, tirannia della maggioranza. (Di nuovo, Alexis de Tocqueville…). Un’altra ancora, la mancanza di autodisciplina, della disciplina senza la quale qualsiasi matrimonio dell’uguaglianza con la libertà si sfascia. Un’altra ancora, il cinico sfruttamento delle parole Fratellanza- Giustizia-Progresso. Un’altra ancora, la nescienza di onore e il tripudio di pusillanimità in cui viviamo ed educhiamo i nostri figli. Tutte miserie che caratterizzano la Destra quanto la Sinistra.
Cari miei: se coi suoi spocchiosi tradimenti e le sue smargiassate alla squadrista e i suoi snobismi alla Muscadin e le sue borie alla Nouvel Riche la Sinistra ha disonorato e disonora le grandi battaglie che combatté nel Passato, con le sue nullità e le sue ambiguità e le sue incapacità la Destra non onora certo il ruolo che si vanta di avere. Ergo, i termini Destra e Sinistra sono per me due viete e antiquate espressioni alle quali ricorro solo per abitudine o convenienza verbale. E, come dico ne “La Forza della Ragione”, in entrambe vedo solo due squadre di calcio che si distinguono per il colore delle magliette indossate dai loro giocatori ma che in sostanza giocano lo stesso gioco. Il gioco di arraffare la palla del Potere. E non il Potere di cui v’è bisogno per governare: il Potere che serve sé stesso. Che esaurisce sé stesso in sé stesso. Questo può apparir demagogico, semplicistico, e perfino superficiale: lo so. Ma se analizzate i fatti vedrete che la mia è pura e semplice verità. La verità del bambino che nella fiaba dei Grimm, quando i cortigiani lodano le vesti del re, grida con innocenza: “Il re è nudo”. Pensateci ragionando sull’attuale tragedia che ci opprime. Perbacco, nessuno può negare che l’invasione islamica dell’Europa sia stata assecondata e sia assecondata dalla Sinistra. E nessuno può negare che tale invasione non avrebbe mai raggiunto il culmine che ha raggiunto se la Destra non avesse fornito alla Sinistra la sua complicità, se la Destra non le avesse dato il imprimatur. Diciamolo una volta per sempre: la Destra non ha mai mosso un dito per impedire o almeno trattenere la crescita dell’invasione islamica. Un solo esempio?
Come in molti altri paesi europei, in Italia è il leader della Destra ufficiale che imita la Sinistra nella sua impazienza di concedere il voto agli immigrati senza cittadinanza. E questo in barba al fatto che la nostra Costituzione conceda il voto ai cittadini e basta. Non agli stranieri, agli usurpatori, ai turisti col biglietto di andata senza ritorno. Di conseguenza, non posso essere associata né con la Destra né con la Sinistra. Non posso essere arruolata né dalla Destra né dalla Sinistra. Non posso essere strumentalizzata né della Destra né della Sinistra. (E guai a chi ci prova).»


Cari amici, ho avuto il privilegio e l’onore di essere stato amico di Oriana. Prima ancora che ci incontrassimo per la prima volta nel suo casale a Greve in Chianti, nell’ottobre del 2003 mi scrisse da New York: «Davvero, quando avrò (bene o male) concluso questo lavoretto, la primissima copia sarà per te. Più ti leggo, più ci penso, più concludo che sei l’unico su cui dall’alto dei cieli o meglio dai gironi dell’inferno potrò contare. (Bada che t’infliggo una grossa responsabilità)». Oriana mi riservava parole affettuosissime mentre era tutta intenta a scrivere “La forza della ragione”. Un’amicizia che lei aveva intensamente ricercato, chiamandomi di persona a casa, intrattenendomi per ore al telefono, facendosi scrupolo di non creare problemi a mia moglie, chiedendomi con grande attenzione notizie sui miei figli. Un rapporto intenso alla cui base c’era un’enorme stima che lei aveva deciso di manifestare apertamente.

Nel ricordarla subito dopo la sua morte, sul Magazine del Corriere della Sera scrissi: «Dobbiamo riconoscere che Oriana ha avuto l’onestà intellettuale e il coraggio umano di affrontare di petto la radice del male del nostro secolo, l’ideologia dell’odio in seno all’estremismo islamico, con l’etica professionale e la passione della scrittrice che non si tira indietro di fronte ai mostri sacri, che non esita a infrangere i tabù del perbenismo ideologico, offrendocelo con un linguaggio d’eccellenza, coinvolgente, pungente, irriverente, messianico. Oriana ha svolto un ruolo straordinario nel contribuire a formare un sentimento di riscossa civile e di orgoglio nazionale nell’era della guerra globale del terrorismo islamico, dell’ideologismo nichilista all’insegna dell’anti-americanismo e dell’anti-ebraismo, del pacifismo militante, pregiudiziale, egoistico e perfino violento. Come Cassandra, Oriana ha assunto il ruolo dell’avanguardia rivoluzionaria che sprona le masse a ribellarsi alle forze del male, a prendere nelle proprie mani il proprio destino, ammonendo dalle tragiche conseguenze di un eventuale cedimento. Come Cassandra ha avvertito l’Occidente che l’enorme cavallo di legno dell’estremismo islamico, ovvero l’insieme della rete delle moschee dove si predica l’odio, le scuole coraniche, gli enti finanziari islamici, sono un artificio per conquistarlo dall’interno. Come Cassandra, le parole di Oriana sono cadute nel vuoto. Né ha avuto esito migliore la sua predicazione contro l’aborto e la sperimentazione genetica, individuati come sintomi della crisi dei valori e della società occidentale. Nella consapevolezza che se l’Occidente non si riconcilia con la propria tradizione cristiana, di cui lei era orgogliosa pur professandosi atea, non riuscirà mai a riscattarsi dal nichilismo etico e a sconfiggere la minaccia dell’estremismo islamico. Sono due facce della medaglia della sfida epocale in cui Oriana si è spesa con generosità fino all’ultimo dei suoi giorni».

Grazie Oriana. Anche nel suo nome andiamo avanti a testa alta e con la schiena dritta, forti di verità e con il coraggio della libertà. Con l’aiuto del Signore insieme ce la faremo.

Magdi Cristiano Allam
Presidente della Comunità «Casa della Civiltà»

Giovedì 15 settembre 2022

5 commenti su “Oriana Fallaci alle Elezioni non voterebbe: «Non simpatizzo con la Destra più di quanto non simpatizzi con la Sinistra. Mi considero una rivoluzionaria. Per me la Rivoluzione significa dire “No”. Significa lottare per quel “No”. Attraverso quel «No”, cambiare le cose»

  1. Una grandissima persona Oriana Fallaci, con una dirittura morale che oggi molti giornalisti nemmeno sanno sillabare.

    Il discorso da lei pronunciato il 28 novembre 2005 pare scritto ora. Posso immaginare come si sarebbe scatenata se avesse assistito a quanto accaduto negli ultimi due anni e mezzo.

    Ha avuto ragione su tutta la linea: dal dispotismo delle democrazie inanimate, alla staffetta tra destra e sinistra, che recitano la parte dei litiganti ma giocano nella stessa squadra, alla spocchia della sinistra, all’invasione islamica. Eppure è rimasta inascoltata. Ricordo ancora le reazioni stizzite della sinistra, che fino ad allora la riteneva una sua paladina, quando Oriana sollevò i temi che hai riportato Magdi. Utilizzarono le medesime tecniche impiegate due con il premio Nobel Montagnier: cercarono di farla passare per una vecchia folle, vittima delle conseguenze delle cure per il cancro.

    Eppure aveva ragione da vendere.

    Ci ha lasciato una pesante eredità: a noi il compito di non permettere mai che sia dispersa.

    Grazie Magdi per averci riproposto le parole di questa grande donna.

  2. Nell’anniversario della scomparsa di Oriana, è doveroso anche per me ricordarLa con gratitudine e nostalgia, come una delle più grandi Donne d’Italia e non solo, una libera pensatrice di Libertà, Ragione ed Orgoglio, faro per tutti noi, di cui Magdi è degno erede e ne porta il pesante ma grande impegno morale ed umano.
    Ciò nonostante, rileggendo i suoi scritti, come evidenziato è cruciale dire NO alla degenerazione della società e a tutto quello che ci vogliono imporre, spesso anche da poteri superiori ed antiumani. É l’inizio, dal piccolo, della lotta, della rivoluzione dei valori, morale ed umana contro l’anti e il trans-umanesimo. Forse anche Lei non voterebbe. Ma siccome La ritengo una combattente per la Ragione, non ne farei una questione ideologica, che ne è il contrario. Come Lei non fece mai ideologia. La politica ed i partiti, i poteri che comandano e dividono, isolano, fino a uccidere le persone come individui, per ridurli a cloni servili dei poteri stessi, che incarnano la forma ideale politico e sociale del nazismo, mai morto, ma che ha solo cambiato attori e palcoscenici, stanno ancora li, a dettar legge contro cui un Aventino non può bastare. Ma al grido della denuncia, del No, bisogna segua anche un fare, qui ed ora, una arma della Ragione, una Forza di tutti contro un sistema degenerato per risorgere con Orgoglio, dalla palude della putrefazione sociale ed umana.
    Per questo penso che anche se non votando, forse avrebbe considerato ora i modi possibili, tattici per la lotta oltre il grido No, come l’arcangelo che si oppose a Satana, “Chi come Dio”,
    “Chi oltre Ragione e Verità?”.
    Oriana lo lanciò, A MAGDI E A NOI RACCOGLIERLO E PORTARLO A TUTTI.

  3. Grossa è la responsabilità lasciata in eredità da Oriana Fallaci. Un onore è essere stati da lei investiti del ruolo ufficiale di erede in quella che è una lotta per il trionfo del bene. Un onore è per me esser parte anch’io del movimento comune finalizzato al riscatto della nostra identità. Ho provato un brivido nel rileggere le illuminanti parole di Oriana Fallaci citate nell’articolo. Anche io, insieme a lei, dico “No!”

  4. Magdi e Oriana. Oriana e Magdi. Due voci straordinarie un unico grido all’unisono per il risveglio delle coscienze.
    Con un articolo di questo genere ho poco da commentare, tutto da condividere.

    «Per me la Rivoluzione significa dire “No”. Significa lottare per quel “No”. Attraverso quel “No”, cambiare le cose»
    Appunto, la vita è piena di sì sprecati e di no taciuti. E nello spazio che intercorre fra di loro rimane sempre un posto vuoto che verrebbe occupato dalle bugie che ci racconteremo in futuro.
    Grazie Oriana.
    Grazie Magdi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Questo contenuto è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: