Ode alla famiglia (ascolta la POESIA con la voce dell’autore)

Ascolta la poesia con la voce di Giorgio Bongiorno

gli uomini guardano raramente il cielo
la meraviglia divina dell’immenso
regno del mistero
anticamera dell’infinito
ne pronunciano con rispetto il nome
il miracolo dei pianeti
quelle fiammelle brillanti che pare
abbiano un posto fisso
nell’universo
finché non sei vicino
e allora vedi che si muovono
in orbite ellittiche
di migliaia di chilometri
come i drammi degli uomini
più sono lontani e più paiono solo
dei segni tutti uguali nel cielo
siano questi pescatori dell’oceano
o viaggiatori vagabondi del pianeta
o anime solitarie in un rifugio ad alta quota
o parte viva di una folla indistinta
nascosta nella moltitudine
o qualcuno incantato dalla luce degli astri
stessa distesa di lumini
stessa geometria di distanze
stesse dimensioni spirituali
avvicinandosi
la luce diventa fiamma
ardente angolo di follia
ebbro dei propri sentimenti

Foto di copertina: Tela di Stefano Cianti

Lascia un commento

error: Questo contenuto è protetto