La questione della lingua e Pietro Bembo: un modello di lingua italiana nobile e dotto

La lingua italiana nasce ben prima dell’Italia in quanto Nazione. Si può anzi affermare che l’Italia, entità patriottica afferente a una medesima realtà culturale, ideale e solo successivamente politica, si sia affermata e consolidata proprio in virtù della codificazione di una lingua unitaria con regole strutturali precise. Il fatto stesso che ci sia stato un […]

Il Principe di Machiavelli e gli obiettivi dell’Uomo sulla Terra: la Libertà e la Patria

Machiavelli è il fondatore della riflessione sull’esistenza terrena ed è l’intellettuale che acquista coscienza del mondo visto nella sua dimensione materiale, a prescindere da prospettive esistenziali trascendenti ed escatologiche. In un’Italia che considera barbare tutte le altre nazioni, in virtù dell’orgoglio di essere il suolo sul quale si è affermato il mondo romano, vige una […]

Il metodo procedurale della teorizzazione politica di Machiavelli

In Machiavelli c’è un rapporto diretto con la realtà storica. La riflessione di Machiavelli nasce dall’osservazione diretta dell’Italia contemporanea, la quale, appunto, sta attraversando un periodo di profonda crisi. Quella in cui si trova l’Italia è innanzitutto una condizione di inferiorità rispetto alle maggiori potenze europee, in quanto essa appare frammentata in una serie di […]

Il Cinquecento: la svolta realistica del Rinascimento. La lettera a Francesco Vettori di Niccolò Machiavelli: una visione moderna e senza sovrastrutture della realtà e della vita umana

Il Rinascimento si basa su un atteggiamento intellettuale di opposizione alla mentalità medievale. La classicità rappresenta la dimensione suprema del pensiero e delle manifestazioni artistiche e culturali alle quali ispirarsi. L’atteggiamento dell’uomo è quello di rivolgersi al passato per imitarlo, convinto dell’impossibilità di oltrepassare la perfezione dell’arte e della letteratura degli antichi. La visione del […]

La sostanza umanistica dell’Orlando furioso: svalutazione di ogni virtù patriottica e collettiva e piena libertà dell’individuo. L’intellettualità come unico strumento di dominio della materia umana

La stesura dell’Orlando innamorato viene interrotta bruscamente. C’è un evento catastrofico a cui Boiardo allude esplicitamente nel III canto del poema, cioè la discesa in Italia del re francese Carlo VIII, che rappresenta il fattore di delusione più grande per gli intellettuali del tempo. L’invasione francese determina un momento di crisi complessiva dei valori della […]

L’Orlando innamorato: le virtù cavalleresche come doti intellettuali e culturali. L’individualismo umanistico raffina la collettività, unita già sotto l’insegna della Patria

All’opposto rispetto all’opera di Luigi Pulci si colloca quella di Matteo Maria Boiardo, autore di un poema cavalleresco il cui protagonista è il personaggio di Orlando, eroico paladino della corte di Carlo Magno. Dedicata alla famiglia degli Estensi, presso la cui corte ferrarese Boiardo vive e milita, l’Orlando innamorato narra le vicende dell’esercito cristiano dei […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Il Morgante di Pulci. Inventiva, eterogeneità e mutevolezza per una materia epica e cavalleresca riletta in chiave dissacrante e parodica”

Quello dei poemi epico-cavallereschi è un genere letterario a cui appartengono opere destinate a cantare l’amor patrio e i valori politico-religiosi intorno ai quali ruotano le istanze di consolidamento della tradizione epica delle Origini. Nel passaggio dall’età feudale a quella comunale i poemi cavallereschi, che avevano consolidato la loro tradizione attraverso l’esperienza delle “chansons de […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “L’Umanesimo civile italiano alla scoperta della socialità: la disciplina morale su cui si fonda l’idea di patria”

Alla base della cultura occidentale sta il principio secondo cui esiste una corrispondenza diretta tra gli elementi del creato e le potenzialità conoscitive del cervello umano, che a essi si relaziona per comprenderli e assumerne possesso intellettivo. La razionalità della natura ha come corrispettivo la razionalità della mente umana: in virtù di questo elemento di […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Serietà di studio e integrità morale: i fondamenti umanistici della patria italiana nella visione dello studioso istriano Pier Paolo Vergerio”

Nel corso del XIV secolo l’Italia attraversa un’epoca di trasformazioni. Le strutture governative comunali lasciano progressivamente il passo a un sistema organizzativo di tipo regionale, caratterizzato da realtà territoriali più ampie. Il passaggio dalle città-stato alle signorie rivela una tendenza politica che coincide con l’assorbimento di piccoli nuclei di potere, precedentemente autonomi, all’interno di contesti […]

“Cavalcanti, uomo ideale al centro del Decameron: la cultura come nucleo intorno al quale ricostruire la nuova virtuosa società italiana”

Per quanto Boccaccio non esprima intenzionalmente alcun messaggio improntato allo sviluppo o al rafforzamento di uno spirito identitario collettivo di tipo patriottico, è tuttavia nella raffigurazione di un modello umano ideale così come lo si coglie in diverse novelle del suo capolavoro, che bisogna leggere la realizzazione di un’istanza, comune e soggettiva, di ristrutturazione in […]

La Patria culturale di Petrarca: l’insegnamento di un sapere antico che torni a scorrere nelle vene degli uomini occidentali

La vasta produzione in lingua latina di Francesco Petrarca è costellata di riferimenti al tema della “Patria”. Il poeta aretino sembra intendere la Patria come una realtà che trascende i confini spaziali della terra natìa e si impronta a una visione dell’esistenza più ampia, universale. Nel De remediis utriusque fortunae Petrarca mette in scena un […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Dante antitaliano? La sapienza come fattore identitario dello spirito e la ragione come strumento per ristabilire l’ordine civile e politico”

Le radici del popolo italiano sono culturali e linguistiche. L’Italia nasce come un’istanza intellettuale che unisce la collettività in una tradizione unitaria. Delineare la storia della civiltà italiana espone, tuttavia, al rischio di dimostrare come il carattere di italianità non rappresenti una virtù ma piuttosto un disvalore. La conformità a ciò che si considera peculiarità […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Il trattato politico De monarchia: una via laica per il raggiungimento dell’armonia terrena sotto la guida dell’autorità imperiale”

Pur essendo un’opera rigorosa sul piano del ragionamento a livello teorico e della consequenzialità logica delle deduzioni, il De monarchia è un lavoro in cui Dante dimostra di muoversi all’interno dello spazio concreto del proprio tempo. Scritto in latino, e perciò indirizzato a un pubblico di lettori colti e nella posizione di poter realmente mettere […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La lingua ideale di cui parla Dante nel De vulgari eloquentia: lo spirito di appartenenza a una patria culturale illustre votata alla grandezza”

Il latino è una lingua precisa e con una sua tradizione culturale già consolidata. Esso è «perpetuo e non corruttibile», è «più bello, virtuoso e più nobile [del volgare]» ed è “comandatore” e non può ubbidire. Dante Alighieri annovera queste considerazioni per giustificare la sua scelta di aver scritto in volgare il Convivio, opera nata […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: Coordinatore Commissione Educazione e Istruzione della Comunità Casa della Civiltà – Documento finale pubblicato il 30 dicembre 2022 – Educazione costruttiva, Istruzione oggettiva, Professione certa

Le tendenze degeneri in attoI fenomeni e le tendenze culturali dei tempi che stiamo vivendo si inquadrano all’interno di una realtà in cui si evidenzia un sostanziale sfaldamento dei cardini della razionalità e dei criteri oggettivi attraverso i quali attuare un approccio conoscitivo nei confronti del mondo. Una diffusa e indistinta valorizzazione della dimensione delle […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La lotta di Pier Paolo Pasolini alla ricerca di un dialogo per coinvolgere gli altri”

In occasione di un incontro con Giacomo Carioti avvenuto nel 1970, Pier Paolo Pasolini si intrattiene a dialogare col suo interlocutore presso il giardino della propria abitazione (cfr. Pier Paolo Pasolini Fui antimoderno, sognai Platone. Note di un antico incontro con Pasolini. Intervista di Giacomo Carioti sulla Rivista Machina, Spettacolo e comunicazione, anno primo-numero primo-aprile […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La rinuncia alla verità negli ambienti accademici. Da Maurizio Ferraris a Benedetto XVI: il ritorno al pensiero forte”

Rinunciare alla verità significa rischiare una deriva degenerativa sul piano etico-politico che comporta l’abbandono di ogni proposito di rifondazione comunitaria della società. È questa la conclusione cui si giunge se si segue un ragionamento rigoroso che, a livello teoretico, smentisce dalle fondamenta il pensiero debole postmodernista. Ogni orientamento interpretativo e critico è caratterizzato, per sua […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Relativismo: dire addio alla verità?”

Il XXI secolo si apre in maniera catastrofica. Attentati terroristici, guerre sanguinosissime, crisi internazionali insanabili, destabilizzazione finanziaria del sistema bancario a livello mondiale costituiscono il quadro disarmante con cui si presenta la nuova realtà. Altro che progresso o prospettive di avanzamento democratico: il nuovo millennio inizia dimostrando il totale svilimento delle aspettative ottimistiche che la […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Il pensiero unico, l’apologia dell’esistente e il rifiuto di ogni ragionamento dialettico”

Nell’esprimere un’esaltante apologia della società attuale Vattimo è inconsapevole delle contraddizioni intrinseche all’ideologia e ai presupposti che la sostanziano. L’atteggiamento di chi considera l’epoca postmoderna come quella nella quale l’uomo ha finalmente la possibilità di emanciparsi dando pieno spazio di realizzazione alle istanze libertarie delle minoranze sociali, dimostra di mancare dell’onestà intellettuale necessaria a riconoscere […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Gianni Vattimo e la crisi della Storia: la società della comunicazione di massa, l’omologazione e il rischio concreto di regimi governativi totalitari”

Nel saggio La società trasparente, pubblicato nel 1989, Gianni Vattimo suggerisce l’idea che oggi non si possa più «parlare di storia come qualcosa di unitario» e teorizza la fine della modernità. Lo studioso torinese sviluppa il suo ragionamento a partire da una tesi esposta per la prima volta da Walter Benjamin nel 1938 in un […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Italo Calvino: nel Mare dell’oggettività, un appiglio per rifondare le coscienze”

Il cambiamento epocale che interessa la cultura italiana nel passaggio dalla prima alla seconda metà del Novecento è al centro della riflessione proposta in diversi interventi pubblicati sulla rivista Il menabò, fondata da Elio Vittorini e da Italo Calvino nel 1959. All’interno del quadro complessivo dei rapporti che mettono in relazione la letteratura e il […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La realtà contadina in Paesi tuoi di Cesare Pavese: l’atavica istintualità delle origini e l’equità del buon senso nell’approccio alla vita”

Berto, protagonista e voce narrante del romanzo Paesi tuoi, è un meccanico torinese che ha appena riconquistato la libertà dopo aver trascorso un periodo di tempo in prigione. Assieme a lui torna alla vita di sempre il suo compagno di cella Talino, un contadino che era stato incarcerato per aver incendiato una cascina. Berto, uomo […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Dalla cultura nazional-popolare di Gramsci al nuovo umanesimo di uno Stato a misura d’uomo”

A differenza di ciò che si può dire a proposito della produzione di molte letterature straniere, quella italiana non ha carattere popolare. Ciò che gli scrittori italiani hanno prodotto e producono risulta indirizzato a un pubblico colto, perlopiù chiuso all’interno dei confini di una casta di eletti. In diverse lingue straniere, per esempio, gli aggettivi […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La Lettera di Capodanno di Gesualdo Bufalino in Tommaso e il fotografo cieco: ricerca di autenticità in una prospettiva rivolta al futuro”

Tommaso e il fotografo cieco di Gesualdo Bufalino è un romanzo che tratta della fuga del protagonista e del suo allontanamento in una dimensione appartata nella quale decide di rifugiarsi. Si tratta di una tematica tipicamente novecentesca, che richiama il nodo cruciale intorno al quale ruota la trama del Fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello. […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA; “D’Annunzio, dalla decadenza positivistica a un entusiasmo classicista: l’artista creatore di bellezza e donatore di gioia nell’intervista di Ugo Ojetti”

Lo sviluppo capitalistico in senso moderno della società italiana a cavallo tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento determina una vera e propria svalutazione dell’arte e dell’intellettualità. L’ispirazione alla base dell’atto creativo viene svilita di fronte al bisogno di subordinare la produzione artistica rispetto agli interessi di mercato e alle esigenze di un pubblico […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Ginzburg, Maraini, Moravia: gli ebrei da oppressi a oppressori? Il terrorismo, strumento risolutivo sempre sbagliato”

Le Olimpiadi estive del 1972 si tengono nella città tedesca di Monaco di Baviera, allora facente parte della Germania Ovest. L’evento viene compromesso da un terribile attentato terroristico: un uomo incappucciato, che poi si scopre facente parte dell’organizzazione palestinese Settembre Nero, si introduce negli alloggi degli atleti israeliani all’interno del villaggio olimpico. Il terrorista uccide […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Natalia Ginzburg e Oriana Fallaci nel 1963: anti-progressismo e senso della famiglia all’indomani del conferimento del Premio Strega”

In un’intervista rilasciata a Oriana Fallaci nel 1963 e pubblicata sul settimanale L’Europeo, Natalia Ginzburg sottolinea il ruolo da riconoscere all’ironia in quanto qualità che colui il quale si appresta all’atto della stesura di un’opera letteraria deve possedere in maniera irrinunciabile. A seguito del successo riportato dal suo romanzo Lessico famigliare, decretato vincitore del prestigioso […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “L’antifemminismo di De Roberto in una recensione su un romanzo di Anna Franchi: la capacità razionale di prevenire drammi”

Nell’agosto del 1903 Federico De Roberto pubblica un suo articolo sul primo numero della rivista siciliana La Giostra, mensile di Lettere e d’Arte diretto da Guglielmo Policastro. Si tratta di una recensione che lo scrittore catanese dedica al romanzo Avanti il divorzio, scritto da Anna Franchi e pubblicato l’anno prima, nel 1902, per l’editore Sandron. […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “L’esecrabile deformità delle virtù di don Gonzalo nella Cognizione del dolore di Gadda”

Nel paesino di Lukones girano strane voci su don Gonzalo. Si dice che egli sia una persona strana e decisamente fuori dal comune. Chi lo ha incontrato sostiene che don Gonzalo abbia un aspetto per niente socievole e che sia un uomo poco incline a relazionarsi in maniera aperta e positiva nei confronti degli altri.Dallo […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Gadda e la legittimazione della guerra nei suoi scritti giovanili.”

L’esperienza della Grande Guerra viene vissuta da Carlo Emilio Gadda in prima persona. Lo scrittore milanese si arruola come soldato volontario all’età di ventitré anni e parte per il fronte. Forse non c’è da stupirsene, considerando come Carlo Emilio sia cresciuto all’interno di una famiglia della quale fece parte una personalità come quella dello zio […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “L’orologio di Arafat e il campo di addestramento palestinese”

La guerriglia palestinese in Siria, Libano e Giordania non è clandestina. La possibilità di visitare i campi di addestramento è libera: se i responsabili delle attività di preparazione e di supervisione delle esercitazioni accettano, è consentita la visita da parte di un eventuale osservatore esterno. E così Moravia si reca a Damasco, città ritenuta abitualmente […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “L’Arabo errante di Moravia: la tragicità dell’esperienza del popolo “palestinese” e l’atavica opposizione tra arabi ed ebrei. La violenza come mezzo e fine unico degli atti terroristici”

L’Arabo errante è il titolo di un reportage di Alberto Moravia pubblicato il 7 marzo 1971 sulla rivista L’Espresso. Il testo redatto da Moravia è il resoconto del secondo simposio internazionale sulla questione palestinese tenutosi in Kuwait, a cui egli ha personalmente partecipato. Il proposito che lo scrittore espressamente formula nell’incipit dell’articolo è quello di […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Moravia in Marocco: l’universalità islamica nei paesaggi desertici del mondo arabo e la nascita di società aggressive e intolleranti”

Ventitré maggio 1965 è la data di un articolo scritto da Alberto Moravia come resoconto di viaggio di una delle giornate da lui trascorse in Marocco in qualità di inviato speciale del Corriere della Sera. Di fronte agli occhi dello scrittore si apre un paesaggio sconfinato, fatto di terreno “morto e sterile”, brullo e arido, […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Il pensiero “189” dei Ricordi di Guicciardini: il decadimento naturale delle organizzazioni statali, l’inconoscibilità dei principi regolatori della realtà e l’impegno morale dell’uomo”

Il pensiero numero 189 dei Ricordi di Francesco Guicciardini afferma che tutti i regni, le città, le organizzazioni statali e politiche del mondo sono destinati a decadere naturalmente, fino a morire. Sono la natura e il caso gli agenti incontrollabili che influenzano l’agire dell’uomo sulla Terra.   Ogni cittadino che venga a trovarsi, in vita, in […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Franco Sacchetti, l’ultimo trecentista: la conquista del buon senso pratico, la saggezza e il nuovo valore della conoscenza”

La modestia e l’umiltà sono le virtù alla base del modello esistenziale che Franco Sacchetti, poeta e novelliere, propone nelle sue opere. Una vita serena e senza pretese è quella che si augura di vivere lo scrittore, il quale disdegna ambizioni eccessive e manca di un coinvolgimento diretto e ipocrita nei fatti del tempo. Poco […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Boccaccio: dalla mentalità mercantile alla rifondazione sociale nel Proemio del Decameron”

Con Boccaccio entra prepotentemente nella letteratura italiana tutta una nuova realtà, i cui contorni sono quelli di un mondo mercantile che determina, nel corso del Trecento, trasformazioni e sviluppi sociali ed economici. Numerose sono le novelle del Decameron i cui personaggi appartengono alla borghesia e che, nella vita, si dedicano ad attività commerciali. L’opera boccacciana […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La canzone petrarchesca Italia mia, benché il parlar sia indarno: uno spirito patriottico dettato dalla cultura e dalle emozioni e un senso identitario in chiave morale ed etica”

La canzone numero CXXVIII, dedicata all’Italia, è un componimento di tematica politica incluso nella raccolta Rerum vulgarium fragmenta. Nei confronti dell’Italia, individuata come una patria culturale, non certo come un’entità statale già costituita, Petrarca prova un sentimento di tristezza. Il bel corpo dell’amato Paese si presenta, agli occhi di chi lo guarda, deturpato da piaghe […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La Lupa: drammaticità fino al parossismo. Ennesimo cedimento, omicidio o femminicidio?”

A Verga basta la sottolineatura di uno solo degli attributi fisici della donna, quello della prosperosità del suo seno, «fermo e vigoroso da bruna», per evidenziare l’irresistibile attrazione da lei esercitata nei riguardi degli uomini. Ma è non più giovane, ‘gna Pina, e ha un colorito pallido che la fa sembrare malata. Il modo in […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “L’invetriata di Dino Campana: la poesia come atto di magia tra inquietudine e inganno”

Le personalità umane che meno facilmente accettano di farsi assorbire all’interno del tessuto sociale, si scontrano con la realtà. Le prospettive esistenziali di chi non si allinea con le direttive degli orientamenti generali, si riducono alla scelta di evadere dal mondo o a quella di lottare al fine di cambiarlo. Non necessariamente l’evasione si configura […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Di là del mare e il disincanto della consapevolezza”

In una notte stellata, due giovani amanti rivolgono al mare, che si estende immenso e scuro di fronte a loro, uno sguardo malinconico e assorto nei pensieri. Essi si trovano vicino alla loro cabina, mentre il sottofondo musicale di un canto popolare proveniente dalla poppa del battello sul quale viaggiano, si confonde con il rumore […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La mosca di Pirandello: la morte come conquista dell’autenticità esistenziale”

È del 1904 la novella La mosca che appare, per la prima volta, sulle pagine della rivista fiorentina Il Marzocco esuccessivamente viene inclusa da Pirandello in una raccolta omonima di racconti che andrà a costituire il quinto volume delle Novelle per un anno. Interessante e certo non casuale la scelta dell’autore di dedicare una sua […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La novella Libertà: violenza atavica e vera umanità”

Libertà è un racconto pubblicato da Verga, per la prima volta, nel 1882 sulla rivista Domenica letteraria e poi incluso nella raccolta Novelle rusticane. L’autore vi rappresentata i famosi drammatici “fatti” accaduti a Bronte, piccolo borgo rurale alle pendici dell’Etna, nei pressi di Catania, nell’estate del 1860 quando l’arrivo di Garibaldi in Sicilia e l’avvio […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Il racconto La paura di Federico De Roberto e la Grande Guerra: lo smarrimento esistenziale e la frammentazione della società”

La paura è un racconto di Federico De Roberto pubblicato nel 1921. Negli anni in cui la guerra viene combattuta, lo scrittore siciliano non la vive in prima persona, non parte per combattere, all’epoca è già troppo anziano per farlo. De Roberto è però tra i pochissimi scrittori che dedica alla Grande Guerra alcune delle […]

Registrazione della conferenza di Davide Maria Rosario Ficarra su “Lo spirito della Patria dalle Origini a Machiavelli” (Mercoledì 7 giugno 2023)

Cari amici buongiorno. Vi propongo la registrazione della conferenza di Davide Maria Rosario Ficarra su “Lo spirito della Patria dalle Origini a Machiavelli”, svoltasi ieri mercoledì 7 giugno. Erano presenti 36 tra gli iscritti e gli amici della Casa della Civiltà. … Davide Maria Rosario Ficarra ha tenuto una lezione magistrale sulle radici della lingua […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Storia dell’asino di san Giuseppe: l’essenzialità dei bisogni e la spietata legge regolatrice della società”

Fa parte di Novelle rusticane un singolare racconto che, tra le altre, presenta la particolarità di avere come protagonista un animale, non un essere umano. Si tratta della Storia dell’asino di san Giuseppe, novella che narra l’intero percorso esistenziale, dalla nascita alla morte, di un asino, detto di san Giuseppe per l’insolito colore bianco e […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Bauman, la modernità e l’esperienza poetica di Benedetti”

Zygmunt Bauman definisce liquida la realtà moderna. Secondo il filosofo polacco, gli uomini sarebbero accomunati, oggi, da una condizione di “esseri in divenire”, in continuo movimento, proiettati al raggiungimento di una stasi che non arriva mai. La condizione dell’incompiutezza e della perpetua transitorietà viene interpretata come il segno di un tempo in cui i vecchi […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Aspetti della poesia nel Secondo Dopoguerra. Mario Luzi: apertura al reale e sofferta inconciliabilità”

Dopo la Seconda Guerra Mondiale si registra, in Italia, un orientamento in controtendenza rispetto al tradizionale carattere lirico e soggettivistico della poesia. Si afferma la propensione ad accogliere, nella scrittura in versi, il bisogno di narratività. Benché soluzioni poetiche tendenti al narrare siano ravvisabili già in poeti novecenteschi, come Pascoli in Digitale purpurea per esempio, […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La Voce, l’antiscientismo prezzoliniano e i propositi di una ridefinizione dell’identità dell’intellettuale di fronte al mondo moderno e alla guerra”

Prezzolini è un intellettuale realista. Il suo approccio ai fatti del mondo è un incontro tra pragmatismo e pessimismo. Egli ottempera al bisogno di realizzare azioni pratiche nel mondo, da una parte, dall’altra matura un rifiuto dell’azione, di cui, per converso, riconosce la fallibilità e l’inutilità.  Il giovane Prezzolini si inserisce nella disputa tra idealisti […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La roba: il miglioramento del proprio destino come definitiva degradazione umana”

Un viandante che percorreva la strada che lo conduceva lungo la piana di Catania, nei pressi del lago di Lentini, attraverso gli aranceti di Francofonte e i pascoli di Passanitello, vicino al paese di Vizzini, nelle ore più calde del giorno, se domandava a qualcuno di chi fossero quelle proprietà, si sentiva rispondere sempre che […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Tozzi, Svevo, Pirandello: la figura dell’impiegato nella narrativa primonovecentesca”

È possibile individuare delle caratteristiche comuni in diverse opere che si collocano, cronologicamente, tra l’inizio del XX secolo e gli anni Trenta. Il personaggio dell’impiegato moderno si presenta come una tipologia umana in cui si evidenziano molti dei cambiamenti antropologici ed epistemologici introdotti nella realtà sociale dall’industrializzazione. Leopoldo Gradi, protagonista di Ricordi di un giovane […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Cavalleria rusticana: dramma umano e tragedia sociale. Lo sfaldamento dei valori e il caos”

Nel 1884, a Torino, presso il teatro Carignano, viene rappresentata, per la prima volta, Cavalleria rusticana, dramma tratto dall’omonima novella verghiana presente nella raccolta Vita dei campi. È un evento che riscuote un enorme successo. Il pubblico borghese settentrionale tributa al dramma un consenso straordinario, che sarà amplificato ulteriormente, poi, dall’opera lirica omonima musicata da […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Dalla fine dell’Ottocento all’attualità: “Il collaboratore avventizio” di Svevo, i freelancer e i giornalisti professionisti”

Si colloca nel 1883 la pubblicazione di alcuni articoli di Ettore Schmitz, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Italo Svevo, sul periodico L’inevitabile di Trieste. La lettura di queste prose, redatte dal geniale scrittore friulano in epoca giovanile, può rivelarsi illuminante e stupire per la lucidità con cui egli tratteggia, in piccoli incisivi bozzetti, alcune […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “L’ideologia e la testimonianza letteraria: la dissoluzione del mondo antico nei Malavoglia”

I presupposti ideologici che muovono Verga alla stesura del romanzo I Malavoglia sono quelli di un uomo il cui punto di vista coincide con lo sguardo attento di chi, nell’Italia postunitaria, guarda alla situazione socio-politica ed economica della Sicilia cercando le cause dei mali che la attanagliano. Nel 1878 Giovanni Verga viene incaricato da Sidney […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Postumanesimo pirandelliano: considerazioni e prospettive”

Stando ad alcuni orientamenti accademici attivi nel panorama degli studi attuali, si dichiara l’urgenza di proporre una ridefinizione dei parametri che identificano i concetti di “umano” e di “umanità”. È possibile delineare i tratti di un movimento ideologico bipartito secondo il quale oggi si afferma una percezione della condizione umana mutevole e in continua ridefinizione. […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Pirandello e il relativismo culturale moderno: la ricerca di un tramite comunicativo, lo smarrimento esistenziale e l’affermazione di una nuova autenticità umana”

Il relativismo culturale ha una sua origine nella nascita della modernità e nelle scoperte copernicane che hanno rivoluzionato il modo di relazionarsi dell’uomo rispetto al resto del creato. L’elaborato processo di decostruzione demistificante di illusorie verità di fede assunte a dar valore all’esistenza, ha prima ridotto la coscienza dell’uomo a riconoscere e ad accettare solo […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Rosso Malpelo di Giovanni Verga: l’intellettuale come un reietto”

Il critico letterario Alberto Asor Rosa riteneva che i protagonisti delle novelle Jeli il pastore e Rosso Malpelo di Giovanni Verga siano da inquadrare, l’uno rispetto all’altro, su posizioni antitetiche e nettamente contrastanti. Attraverso uno sguardo analitico nei confronti della condizione sociale moderna della “vita dei campi” siciliani, il critico rilevava che il personaggio di […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Il nuovo clima culturale e un leopardismo “elegiaco””

La stretta integrazione, il legame d’indissolubile continuità tra attività e impegno critico-letterario, da un lato, e dimensione privata e intimamente autobiografica dell’esistenza, elevato già da De Sanctis a principio conduttore di tutto il proprio lavoro di studio, di ricerca, di produzione in genere, sia in poesia che in prosa, è da tenere in considerazione per […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Fantasticheria” e l’ideale dell’ostrica

La raccolta Vita dei campi si apre con il racconto Fantasticheria nel quale Giovanni Verga si rivolge in prima persona a una donna aristocratica con la quale dice di aver trascorso quarantott’ore nel paese di Aci Trezza. Rievocando i momenti vissuti insieme alla dama durante la loro permanenza nel piccolo borgo di pescatori, baciato dal […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Prezzolini: lo spazio esistenziale della menzogna, la dimensione intellettuale e le ipocrite politiche belliciste”

Nel 1957, pochi giorni prima del Natale, nel suo Diario di New York Prezzolini appunta alcune considerazioni che mettono in risalto la netta demarcazione che egli ritiene di individuare tra la dimensione sociale dell’esistenza e la scelta di vivere, per converso, in una dimensione intellettuale e appartata. Ritenendo di prediligere uno spazio esistenziale dal quale […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La dimensione dell’interiorità e il mondo esterno nelle poesie delle Occasioni di Eugenio Montale”

Gli anni tra il 1937 e il 1939 furono particolarmente critici per la storia del nostro Paese, che attraversava una fase delicata dell’affermazione del regime a seguito della proclamazione dell’impero fascista e a causa della partecipazione dell’Italia alla guerra di Spagna. L’atteggiamento dei letterati del tempo, nello specifico degli uomini che avevano puntato alla coniugazione […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: ” L’enormità di Dante e la sua attualità senza tempo”

Dante è enorme. L’immensità del debito che abbiamo nei suoi riguardi lo rende irriducibile a categorie interpretative che ne limiterebbero, in sé, l’approccio e la ricezione. Dante ci è padre, nel senso proprio che il suo esempio non ci consente di eluderlo, perché ha permeato di sé il futuro. Ma non significa affatto che ci […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: ” La vita solitaria di Giuseppe Prezzolini e una società umana che rassomigli a un’osteria”

Il 27 gennaio del 1958 Giuseppe Prezzolini si trovava nella sua soffitta newyorkese, in cima a un palazzo di dieci piani a Manhattan. Era il giorno del suo settantaseiesimo compleanno. Anziano e un po’ acciaccato, Prezzolini vagheggiava soddisfatto la felice idea di non farsi festeggiare da nessuno. In solitudine, si godeva il suo bicchiere di […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “I docenti, la comunicazione e l’insegnamento: regressi in tempi di post-pandemia”

L’innegabile centralità riconosciuta allo studente, all’interno del processo didattico, ha richiesto alla scuola di rinnovarsi e di tenersi al passo coi tempi. Trasmissione dei saperi, metodologie comunicative e didattica sono stati rimodernati in virtù di un’educazione scolastica che negli ultimi decenni ha richiesto un approccio diverso, che tenesse conto degli aspetti sociali ed emotivi, oltre […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: ” Il proemio alla “Prigione” e la nuova “fede” umanistica”

Nel dare soluzione al problema della restaurazione e della ricostruzione dell’assetto strutturale della società e di tutta la realtà, De Sanctis assume un atteggiamento che non tende mai al sentimentalismo o alla retorica dei buoni sentimenti, ma affronta il problema con fermezza di propositi e con razionalità. Il critico rifiuta i vaghi impulsi emotivi e […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La lettura a voce alta e l’ascolto”

Oggi si registra la difficoltà a prestare attenzione agli altri quando comunicano verbalmente.  Nel contesto attuale la società, soprattutto i giovani, è diventata forte consumatrice di messaggi massmediali, il che ha prodotto effetti significativi sui livelli di attenzione, che si sono notevolmente abbassati. I ragazzi di oggi sono disabituati ad un ascolto attento della parola […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: ” L’idea mazziniana di “letteratura sociale” e l’aristocraticità intellettuale di Leopardi: l’immortalità dell’opera leopardiana”

Poesia “individualistica”, e perciò condannabile, è agli occhi di Mazzini quella di Leopardi. Poesia che nasce da un’ispirazione soggettiva e lirica, personale, indifferente agli altri, tutta proiettata su di sé, e perciò sterile. I suoi canti, dice Mazzini,   spirano un alito di profonda malinconia tutto proprio della nostra età. Pur non sono che sforzi […]

Registrazione della videoconferenza di Davide Ficarra “Per una nuova coscienza italiana: l’insegnamento di Foscolo e Leopardi” (mercoledì 7 dicembre 2022)

Cari amici buongiorno e Buona Festa dell’Immacolata Concezione. Vi propongo la registrazione dell’incontro tramite videoconferenza svoltosi ieri, mercoledì 7 dicembre 2022, con Davide Ficarra. Erano presenti 23 tra gli iscritti alla Casa della Civiltà e gli amici ospiti. Davide Ficarra, docente e scrittore, Coordinatore della Commissione Educazione e Istruzione in seno alla Casa della Civiltà, […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Istintualità, estemporaneità e mondo riflesso: le omologazioni che appiattiscono la ragione”  

La società attuale esalta la dimensione della momentaneità. Le massime che danno indicazioni su come essere più felici paiono suggerire che la vita sia da vivere in maniera estemporanea, senza pensarci troppo. Si richiede la liberalizzazione del fare senza l’anticipazione propedeutica del pensiero e di agire senza smarrirsi, a priori, su valutazioni in merito alla […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “La lingua in prosa di Leopardi e la sua “poeticità”: la contemporaneità pensiero-parola e la “proprietà dello stile”

La parte conclusiva del saggio sull’epistolario di Leopardi è dedicata all’esame linguistico. Ciò che interessa puntualizzare a De Sanctis è il fatto che quella di Leopardi è una lingua tecnicamente e formalmente esemplare. Essa è facilmente comunicativa e presenta un fondamentale accordo con i contenuti di cui l’autore tratta nell’opera. Questo accordo, che è una […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: ” Il potere delle donne nei Promessi Sposi”

I promessi sposi è sempre stato percepito come un testo da proporre in chiave educativa e destinato alla fruizione da parte dei ragazzi. Le sue innegabili finalità pedagogiche ne hanno però spesso condizionato la ricezione limitandone le chiavi di accesso e la lettura interpretativa ed hanno rappresentato la sua rovina. La stessa espressione “promessi sposi” […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Il saggio sull’ “Epistolario” di Giacomo Leopardi: il possesso spirituale della realtà e Leopardi uomo “maggiore della fortuna”

L’epistolario leopardiano è un prezioso documento letterario e umano della personalità del Poeta. Per De Sanctis è facile accordare all’ “Epistolario” di Leopardi un valore artistico e letterario pieno, in virtù dei criteri che si rifanno alla propria poetica, secondo cui un’opera è tanto migliore quanto più rispecchia il contenuto umano di chi la scrive […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Il bizzarro mondo fiabesco di Capuana”

Spesso, in classe, un docente le prova tutte per riuscire a mantenere il silenzio e la tranquillità dei propri studenti. A volte la soluzione più semplice si presenta da sé: leggere a voce alta e lasciarsi ascoltare dai ragazzi. Sì perché ascoltare la voce del proprio professore può essere la soluzione perfetta affinché gli alunni […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Leopardi nei quaderni del ’43. Poesia filosofica: contenuto “teorico” e rappresentazione “concreta””

Nelle lezioni relative ai corsi che De Sanctis tiene negli anni ’42-’43 e ’43-’44, il critico opera una svolta determinante nella sua interpretazione di Leopardi e ne precisa i termini critici in nome non più di una semplice consonanza poetico-sentimentale con lui, ma attraverso una comprensione critica che coglie l’essenza della sua poetica. Il riscatto […]

DAVIDE MARIA ROSARIO FICARRA: “Rerum vulgarium fragmenta CXXVI (2a Parte)”

Chiare, fresche et dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna: gentil ramo ove piacque (con sospir mi rimembra)                                                   a lei di fare al bel fianco colonna: erba e fior che la gonna leggiadra ricoperse co l’angelico seno; aere sacro, sereno,                                                               ove Amor co’ begli occhi il cor m’aperse: […]

Rerum vulgarium fragmenta CXXVI (1a parte)

Chiare, fresche et dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna: gentil ramo ove piacque (con sospir mi rimembra)                                                   a lei di fare al bel fianco colonna: erba e fior che la gonna leggiadra ricoperse co l’angelico seno; aere sacro, sereno,                                                               ove Amor co’ begli occhi il cor m’aperse: […]

Dante regista? L’ontologica “cinematicità” della Commedia

Il seguente articolo riporta la relazione descrittiva e analitica, offerta dal sottoscritto, di un intervento di Rosario Castelli, professore associato di Letteratura italiana presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Catania, in occasione di una conferenza in materia dantesca attinente a uno dei cicli di incontri dell’ADI-SD di Catania. in cui ha proposto […]

La rappresentanza letteraria dello “spirito italiano”

Nelle prime prove in cui si misura col problema critico di giustificare con oggettività la propria intuizione sentimentale della grandezza di Giacomo Leopardi, De Sanctis avvicina la figura del Recanatese a quella di Manzoni, poeta eccellente ed esemplare.   Il critico li inscrive entrambi all’interno di una sorta di “scuola” poetica intermedia tra quella religiosa […]

Adelchi, eroe romantico tra razionalità e tragicità

I personaggi dell’Adelchi, tragedia di Alessandro Manzoni, presentano precise caratterizzazioni psicologiche e sociali. Da un lato ci sono i personaggi “politici”, quelli negativi, che rappresentano la morale comune e che seguono la legge della forza, dell’interesse e della brutalità del mondo, Carlo e Desiderio; dall’altro i personaggi “ideali”, portatori di valori nobili e disinteressati, immuni […]

L’eroe dall’Epos classico al mondo moderno

Nella storia della letteratura esistono esempi che suggeriscano un’idea di eroe riconoscibile in maniera universale, tale da permetterci di indicarne una tipologia condivisibile? Pensiamo alla figura dell’eroe epico tradizionale. Nella letteratura antica tutto il mondo è sullo stesso piano: tutto è scopribile e conoscibile, il destino degli uomini è già noto, la divinità è direttamente […]

L’irriformabilità del sistema mi induce a votare per condividere le idee e aumentare le occasioni di dialogo. Non mi aspetto un cambiamento ma la continuazione della lotta che coinvolga più persone

Nella piena acquisita consapevolezza dell’impossibilità di riformare dall’interno l’intricato sistema di potere che gestisce la vita politica, economica, sociale del nostro Paese, la mia scelta è comunque quella di andare a votare.Sì, mi sia consentito, in questi giorni sto maturando la convinzione di dare un voto “contro”, di aggiungere un altro atto di protesta a […]

De Sanctis e il suo spirito patriottico negli anni di insegnamento alla scuola di Vico Bisi

Francesco De Sanctis è un giovane professore di Lettere che, all’inizio degli anni ‘40 dell’Ottocento, insegna nella scuola privata di Vico Bisi, a Napoli, presentandosi come un intellettuale nuovo, ribelle, che segue una linea di pensiero innovativa.Sin da subito egli sente forte l’esigenza di un contatto diretto con la realtà, colta concretamente, che gli fa […]

error: Questo contenuto è protetto