7 commenti su “Maturità

  1. Alex, basta riguardare i due visi della tua vignetta, solo quelli dicono tutto, il lavoro che stai facendo è il sunto giornaliero che con ironia ricorderà l’idiozia di questi anni. Grande!

  2. Al peggio non c’è mai fine , ma in quel teatrino di marionette che è il nostro parlamento c’è da aspettarsi questo e altro. Ormai la parola dignità non esiste più e in fondo, Di Maio potrebbe essere una efficiente marionetta alla corte di del “Drago”. Il servilismo è la forza degli inetti. Adesso vado a vomitare……..

  3. Luigi Di Maio abbandona il M5S che da venditore di bibite allo Stadio San Paolo di Napoli gli ha consentito immeritatamente di diventare Ministro degli Esteri, e visto che secondo lo Statuto del M5S non potrebbe più ricandidarsi in Parlamento avendo già fatto due mandati, si fa il proprio partitino scommettendo sul sostegno di Draghi affinché possa farcela alle prossime elezioni politiche del 2023.
    Ma giustamente, come illustra magistralmente la vignetta di Alex, Draghi dovrà prima verificare se Di Maio è maturo per essere ammesso nella cerchia di chi veramente conta nel Palazzo del Potere.
    La parabola opportunistica di Di Maio ci fa toccare con mano quanta menzogna, ipocrisia, corruzione e plagio soprattutto dei giovani ci sia nel M5S. Dalle 5 Stelle all’abuso dei sottofondi delle stalle.
    Magdi Cristiano Allam

    1. Di Maio ha mostrato la sua vera natura: profondamente ignorante ma furbo ed opportunista. Certamente le materie d’esame per ottenere il “diploma” non concerneranno la verifica di una qualche competenza, ma l’adeguata capacità di eseguire gli ordini del padrone, trasmessi da Draghi.
      In questo Di Maio ha mostrato di essere pronto.
      Complimenti Alex!! E grazie Magdi per la tua sempre chiara spiegazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Questo contenuto è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: