Un bacio e un ballo lesbico ripropongono l’interrogativo sulla compatibilità della vita dissoluta e sfrenata di Sanna Marin con la carica di Capo del Governo della Finlandia

Cari amici buongiorno. Sono emersi due nuovi fatti che riguardano il Capo del Governo della Finlandia Sanna Marin.
Il primo fatto è una foto scattata all’interno della residenza ufficiale del Capo del Governo di Kesaranta a Helsinki. Si vedono due donne, amiche di Sanna Marin, che si esibiscono a seno nudo in un intenso bacio lesbico. Sullo sfondo c’è il pannello blu ufficiale dell’ufficio dove siede Sanna Marin, dietro alla scrivania da cui il Capo del Governo fa gli annunci ufficiali alla stampa e tiene le videoconferenze con le autorità politiche mondiali. Una delle due donne che si baciano nasconde i seni con l’insegna ufficiale che reca la scritta «Finland», presente sulla scrivania del Capo di Governo. Una delle due donne è Sabina Särkkä, una modella di 33 anni, “influencer” di successo, personaggio popolare nei “social network”, le piattaforme virtuali di comunicazione e di socializzazione, in grado di influenzare e di condizionare il comportamento e le scelte commerciali soprattutto dei bambini, degli adolescenti e dei giovani.
Il secondo fatto è un video in cui si vedono Sanna Marin in un ballo lesbico con Sabina Särkkä. Entrambe divaricano le gambe, si stringono all’altezza della zona pelvica strofinandosi il punto vaginale.

Sanna Marin si è scusata per la pubblicazione della foto del bacio lesbico delle sue due amiche a seno nudo sostenendo che «l’immagine non è appropriata e me ne scuso». E ha così spiegato l’accaduto: «Abbiamo fatto la sauna, nuotato e passato del tempo insieme. Quel tipo di foto non avrebbe dovuto essere scattata, ma per il resto non è successo nulla di straordinario quella notte».
Sul fatto specifico che quel festino si sia svolto all’interno della residenza ufficiale del Capo di Governo di Kesaranta, Sanna Marin ha detto: «Abbiamo usato una sauna, non siamo entrati nell’edificio principale. Abbiamo usato solo i bagni per gli ospiti al piano terra, il luogo dove apparentemente è stata scattata quella foto». Ha assicurato che quello è stato l’unico incontro privato che ha organizzato a Kesaranta durante le sue vacanze e non ha rappresentato alcun tipo di minaccia alla sicurezza, poiché le porte della residenza ufficiale del Capo di Governo erano chiuse a chiave e tutte le strutture erano sorvegliate. Non ha però detto che sullo stesso piano si trova l’ufficio dove il Capo di Governo incontra la stampa, diffonde i comunicati ufficiali e tiene le videoconferenze con le autorità mondiali.
Sanna Marin ha aggiunto che le due donne ritratte in un bacio lesbico facevano parte di un gruppo di amiche che lei aveva invitato nella sua residenza ufficiale lo scorso 9 luglio, dopo aver partecipato a un festival di musica rock, il Ruisrock Festival, durato tre giorni in cui lei si è fatta ritrarre in pantaloncini corti, anfibi e giacca di pelle.
Invece sul video che la ritrae personalmente partecipe a un ballo lesbico non si è finora pronunciata.

Cari amici, chiarisco che io, pur avendo un’idea moralmente diversa della vita privata e sessuale della persona, prendo atto che nel contesto della nostra civiltà decaduta la legge vigente accorda il diritto a tutti di fare sesso con chi si vuole e come si vuole. Vi prego pertanto di astenervi dal pubblicare dei commenti a difesa del diritto di Sanna Marin di ballare, di fare sesso con un uomo diverso da suo marito o con un’altra donna.
La riflessione che sollevo è un’altra. Personalmente ritengo che la condotta dissoluta e sfrenata della Sanna Marin, anche all’interno della residenza ufficiale del Capo di Governo e nell’esercizio formale delle sue funzioni, non sia compatibile con la condotta morigerata e pacata indispensabile a garantire l’affidabilità di un Capo di Governo.
Questa affidabilità ora è più che mai vitale considerando che proprio Sanna Marin da Capo di Governo ha sfidato apertamente la Russia che attualmente sta in guerra, ponendo fine a oltre 75 anni di neutralità della Finlandia, decidendo di entrare a far parte della Nato che sta combattendo a sostegno dell’Ucraina per sconfiggere militarmente la Russia e destituire politicamente il Presidente russo Putin.
Talune fonti dell’informazione dominante in Occidente hanno subito insinuato che si tratti di uno scandalo orchestrato dal Kgb, i Servizi segreti russi, per punire la Sanna Marin e destabilizzare la Finlandia. Il fatto è che tutti i video dello scandalo sono stati pubblicati dalle sue amiche su Tik Tok e su Instagram, e sono stati in gran parte celermente rimossi non appena è esploso lo scandalo.
Andiamo avanti a testa alta e con la schiena dritta, forti di verità e con il coraggio della libertà. Con l’aiuto del Signore insieme ce la faremo.

Magdi Cristiano Allam
Fondatore e Presidente della Comunità «Casa della Civiltà»

Mercoledì 24 agosto 2022

3 commenti su “Un bacio e un ballo lesbico ripropongono l’interrogativo sulla compatibilità della vita dissoluta e sfrenata di Sanna Marin con la carica di Capo del Governo della Finlandia

  1. “Quando un popolo, divorato dalla sete di libertà, si trova ad avere a capo dei coppieri…”
    Credo che Platone ci abbia già indicato (tempo addietro e più precisamente quasi 2500 anni fa’) la patologia psicologica che conduce i giovani a certi comportamenti e insieme abbia delineato i risultati di questi stessi modi di essere a livello di immagine personale e di scarsa rappresentatività pubblica .
    Aggiungerei e definirei come perniciosa la ricerca del potere e l’abuso di determinate funzioni per incassare privilegi non sempre onorifici e legittimi e dimostrarsi totalmente indifferenti rispetto alle istituzioni anche da parte di chi , con il proprio esempio e la propria autorevolezza, le dovrebbe gestire.
    Nel caso della premier finlandese stupisce notare che la stessa persona (in evidente stato di ebbrezza) che si dedica a pratiche folcloristiche piuttosto decadenti è quella che decide l’ingresso nella NATO del proprio paese e contempla di conseguenza l’applicazione delle sanzioni economiche a un paese vicino. Nessun giudizio morale (come suggerisce Magdi) sui liberi costumi adottati per l’occasione da Sanna Martin ma sicuramente ci pregiamo almeno di sottolineare l’apparizione su uno scenario istituzionale di segni più che evidenti di una errata interpretazione della libertà e di profonda e inarrestabile decadenza spirituale.

  2. In queste fotografie e nel video è rappresentata la decadenza morale ed etica dell’Occidente. Mi preoccupa il fatto che parecchie persone non percepiscano alcuno scandalo in tutto questo, anzi difendano la premier finlandese sostenendo che anche lei ha diritto alla sua vita privata. Trovo queste giustificazioni alquanto inopportune: non è possibile avere comportamenti completamente diversi tra pubblico e privato. Credo che la nostra condotta sia la diretta espressione delle nostre idee, dei nostri valori e non è possibile un contrasto così evidente tra le due sfere: evidentemente la “faccia pulita” manifestata in pubblico è solo finzione, solo ipocrisia allo stato puro.

  3. Assenza di etica, corruzione e lassassimo si moltiplicano alla velocità della luce. Purtroppo il rigore morale e l’onestà non sono altrettanto contagiosi. In questo articolo si riassume il totale degrado in cui sta sprofondando l’Occidente dove tutto è permesso e nulla è importante. Io non faccio distinguo perché non esiste una moralità pubblica e una privata. La moralità è una sola e questo vale per tutte le manifestazioni della vita. È stato uno spettacolo pietoso ma ancora più penose sono le “giustificazioni” della maggioranza degli organi di informazione come: “Perché scandalizzarsi se una ragazza giovane balla” “Anche le ministre ballano e Sanna Marin è solo una donna libera” o peggio come ha intitolato il quotidiano La Repubblica: “Sanna Marin, la sua gioia di vivere è una lezione politica”. Avessero la bontà di spiegarci quale lezione politica è stata perché siccome io sono dura di comprendonio non l’ho capita. Forse secondo loro dovremmo chiudere un occhio e assolvere questa stupida perché di fatto è schierata contro i russi “cattivi”? Che nausea!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Questo contenuto è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: